BIORIGENERAZIONE IN GINECOLOGIA
CON PLASMA RICCO IN PIASTRINE (PRP) A SCOPI MEDICO-ESTETICI

Di recente introduzione, il ruolo della medicina rigenerativa sta rapidamente cambiando il modo di approcciare certe patologie.

In particolare, è stato ormai chiaramente stabilito che le piastrine (componenti del sangue come i globuli rossi ed i globuli bianchi) sono ricche di fattori di crescita che stimolano le funzioni metaboliche delle cellule (fra le altre i fibroblasti della cute che producono le fibre collagene ed elastiche) e promuovono la crescita di nuovi vasi sanguigni, con maggior apporto di sangue ai tessuti. Questa azione rivitalizza il tessuto trattato, che si riattiva e riprende a funzionare fisiologicamente.

 

Il trattamento con plasma ricco in piastrine (PRP) sta rapidamente conquistando nuovi spazi per le problematiche cutanee riguardanti la regione vulvare e vaginale.

Con applicazioni di PRP autologo (cioè derivato dalla stessa paziente) come unica terapia o in affiancamento ad altri tipi di tecniche medico-chirurgiche (ad esempio il lipofilling, cioè il trasferimento di grasso autologo) è possibile trattare in maniera efficace e senza l’ausilio di farmaci condizioni mediche quali il lichen scleroatrofico della regione vulvare e la secchezza vulvo-vaginale di varia origine (post-menopausa, post-trattamenti chirurgici, idiopatica) e quindi anche i sintomi correlati a tali condizioni (bruciore, prurito, dispareunia – cioè dolore durante i rapporti sessuali).

 

Sempre tramite applicazioni di PRP è possibile inoltre ottenere il ringiovanimento della cute e mucosa della regione vulvare, grazie al maggior apporto di ossigeno e nutrienti al distretto cutaneo dato dai fattori contenuti nel plasma arricchito in piastrine. Tale metodica, a seconda dell'età e delle caratteristiche biologiche ed anatomiche della paziente, può essere affiancata all’introduzione nelle grandi e piccole labbra di acido jaluronico al fine di dare maggiore turgore e volume in caso di una regione vulvare ipotonica o assottigliata.

 

In occasione di ciascuna seduta ambulatoriale, la cui esecuzione richiede circa una ventina di minuti, la sequenza del procedimento è la seguente:

  • Prelievo di 10-20 cc di sangue e preparazione del PRP mediante centrifugazione in apposite provette, concentrazione ed attivazione delle piastrine;

  • Disinfezione della superficie cutanea da trattare;

  • Eventuale anestesia locale nell’area da trattare;

  • Ripetute iniezioni del prodotto, mediante apposito dispositivo, nello spessore della cute e mucosa della regione vulvare.

 

La paziente può tornare a casa immediatamente dopo il trattamento e può riprendere a svolgere praticamente da subito la maggior parte delle comuni attività quotidiane. Dopo 48 ore è possibile fare sport ed avere rapporti sessuali.

Come ogni procedura di medicina biorigenerativa, i risultati possono essere variabili e condizionati da fenomeni biologici (es: quantità di fattori di crescita e loro efficacia specifica) e da abitudini di vita (es: fumo di sigaretta). Tuttavia, la scarsissima presenza di effetti collaterali e la consolidata tecnologia di preparazione dei derivati piastrinici, nonché le ampie evidenze di efficacia dal punto di vista clinico e sperimentale su vari tessuti biologici, rendono il trattamento di biorigenerazione della regione vulvare con PRP uno dei presidi più interessanti ed avanzati per tutte le pazienti affette da problematiche medico-estetiche a livello intimo.

Indirizzi:

Poliambulatorio Le Vele

Str. San Mauro 97/11 - Torino

Cerca su GoogleMaps

Poliambulatorio ES

Corso Francia 19bis/f - Torino

Cerca su GoogleMaps

  • Google Places Icona sociale
  • Google Places Icona sociale

Contattaci per maggiori informazioni

  • LinkedIn Icona sociale
  • Wix Twitter page
  • Wix Facebook page